Archivio per luglio 2016

“Acquasola, non ci fu danno: assolti dalla Corte dei Conti in Appello tutti i funzionari”

pubblichiamo su richiesta di Arcangelo Merella la notizia dell’Assoluzione in Appello da parte della Corte dei Conti di Claudio Montaldo, Bruno Gabrielli, Arcangelo Merella, Giorgio Rossini, Maurizio Galletti, Liliana Pittarello, Maria Teresa Gambino, Pasquale Malara, Andrea Pasetti e Rita Pizzone dall’accusa di danno erariale nel procedimento riguardante il Parco dell’Acquasola

acquasola assoluzione sec xix 14-7-2016 pg22.jpg

articolo del Secolo XIX di giovedì 14-7-2016

http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=125756

articolo di Marco Preve pubblicato su Repubblica il 19-7-2016

“TAVOLI DI RACCOLTA FIRME A GENOVA PER LA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS”

Annunciamo i tavoli che a partire da oggi si terranno sulla proposta di legge di iniziativa popolare per la regolamentazione della produzione, consumo e commercio della cannabis promossa da Radicali Italiani e Associazione Luca Coscioni .

  • Giovedì 14-7    Via XX Settembre (altezza Mondadori)   dalle 16,30 alle 19,30
  • Lunedì  18-7     Piazza Fossatello                  dalle 16,30 alle 19,30
  • Mercoledì 20-7  Piazza Soziglia                    dalle 16 alle 19
  • Venerdì 22-7    Piazza delle Erbe          dalle 16 alle 18  e dalle 21 alle 23
  • Giovedì 28-7    Piazza delle Erbe          dalle 20 alle 23
  • Sabato  30-7     Piazza Banchi                dalle 17 alle 20

Invitiamo i militanti, i compagni radicali e gli interessati a partecipare e ad aiutarci ad organizzarne altri in città fin dai prossimi giorni  .

Ringraziamo per la disponibilità e per l’impegno i consiglieri comunali della Lista Doria Marianna Pederzolli e Clizia Nicolella, Gianpaolo Malatesta di Possibile, Stefano De Pietro che hanno reso possibile fin qui la raccolta firme e i negozi grow-shop genovesi che stanno sostenendo questa campagna .

FIRMA la Proposta di Legge sulla CANNABIS !

Si può firmare in orario d’ufficio a GENOVA anche presso la Segreteria Comunale (a Palazzo Tursi), l’Ufficio Elettorale dell’Anagrafe (Corso Torino), i 9 Municipi e tutti gli Uffici Distaccati dell’Anagrafe .

E presso gli uffici dei Comuni di CAMOGLI – CHIAVARI – PORTOFINO – RAPALLO – RECCO – SANTA MARGHERITA LIGURE – BUSALLA – CASELLA – ISOLA DEL CANTONE – MONTOGGIO – RONCO SCRIVIA –  IMPERIA – SAVONA – OVADA – BELFORTE MONFERRATO – SILVANO D’ORBA – TAGLIOLO MONFERRATO

 

per informazioni e contatti:   Stefano Petrella  010212258  stefan_petr@libero.it  – Marta Palazzi   3477608578    martapalazzi@gmail.com

Appello ai Parlamentari liguri: Referendum Costituzionale per parti separate

Certe battaglie di buon senso, pur non apparendo vincenti, possono generare orgoglio in chi le conduce; una di esse è patrocinata dai Radicali, all’inizio vista come ennesima stramberia pannelliana (Marco Pannella era ancora vivo, ma non ebbe il tempo di condurla in  prima persona): parliamo dello spacchettamento dei quesiti sul referendum costituzionale, da non confonder con l’Italicum elettorale: atti senza dubbio collegati, ma distinti.

Siccòm che siamo plebe, avremo un plebiscito: ciò abbiamo detto in pubblico. Altri citano l’iniziativa radicale, riconoscendone la saggezza politica: Perché comprar a scatola chiusa pentole e padelle, senza poter scegliere fra ciò che ci garba e ciò che non ci va? Il plebiscito, dapprima voluto da Renzi (‘sta minestra o ‘sta finestra), è preteso con forza da fazioni che intendono regolar i conti, una volta per tutte, con lui. Fummo mussoliniani-antimussoliniani (in vero, le stesse moltitudini), poi berlusconiani-antiberlusconiani, ora renziani-antirenziani: così va il mondo o,meglio, così si vuol che vada l’Italia, con un popolo che resti bue perché malinformato o non informato: parole di Gian Piero Buscaglia, “GRAF” = Gruppo Radicale Adele Faccio – postagraf@gmail.com – Via C.A. Dalla Chiesa 27, 18100 Imperia.

Il popolo cresce se gli è data possibilità d’informarsi e conoscere: a che altro serve la Rai, a pagar il canone? Dividere i quesiti significa spiegarli, individuarne i contenuti, scegliere quanto c’è di buono da ciò che si vuole scartare: tutto l’opposto del grossolano Sì o No che ci vorrebbero imporre.

Dopo l’esito del voto, apparsa chiara il revanchismo anti-Renzi, il ripensamento: quella nobile idea può esser una via d’uscita per un risultato soft, e per salvar capra & cavoli; non solo una petizione su tre quesiti (abolire il Senato, norme referendarie, rapporti Stato-Regioni), ma pure un appello ai parlamentari perché firmino la richiesta di referendum per parti separate. Comitato ligure per lo spacchettamento referendario*? Perché no! Lo presieda chi s’era offerto con generosità come autenticatore, poiché, con i tempi attuali contingentati, ormai tale ruolo è superato dai fatti. Oltre ai radicali c’è l’adesione dell’USICONS (Associazione di consumatori con sede locale a Imperia, C.so Allende 4a, legata all’Usi, sindacato libertario) e di personalità indipendenti, politicamente diverse fra loro, ma accomunate dal desiderio di rispetto per la volontà popolare consapevole: da qui all’autunno, il tempo per informare c’è.

*Da un’idea del Dr Duccio Guidi, Notaio in Ventimiglia (IM), che si era offerto, spontaneamente e gratuitamente,  come Autenticatore.

Giuliano Amato spiega il probabile iter procedurale della nostra proposta davanti alla Cassazione, laddove le procedure non sono aspetti formali, ma questioni di Diritto, Stato di Diritto, Democrazia. Sulla Riforma Renzi-Boschi, Amato afferma che, davanti a un No della Cassazione, ci si potrà rivolger alla Consulta, con un inedito passaggio giurisdizionale: non solo un giudizio di legittimità sul referendum per parti separate, ma anche sul quesito unico, poiché ci pare che il Quesitone vìoli principi fondamentali, come la libertà di voto del cittadino. NB: abbiamo votato tre volte col porcellum prima che fosse dichiarato incostituzionale; la Corte esaminerà la chance di spacchettare la riforma per far esprimere i cittadini sui singoli temi, come auspicato da molti esperti e giudici emeriti della Corte stessa, che avanzano gravi critiche all’ipotesi del quesito unico. Ci impegneremo fino all’ultimo momento utile; se i parlamentari liguri daranno la loro firma per tale esame di costituzionalità, prima di schierarci fra e No, si entrerà nel merito della riforma come tutti auspicano, pure quelli che [Pd, 5s, neopartigiani-ventenni-nel-2016] ragionano con logica di scontro, non nell’interesse generale. Non è in gioco il destino di Renzi, ma un momento clou per la democrazia; sbaglia chi pensa che uno scontro campale aiuti a rilegittimare le istituzioni, la cui credibilità è ai minimi storici; vogliamo riportare la riforma nell’ambito dello Stato di Diritto costituzionale.

11 Luglio 2016 – Gian Piero Buscaglia segretario “GRAF” 3297216116 Gruppo Radicale Adele Faccio 0183780336

Di seguito, la dichiarazione di Riccardo Magi, Segretario di Radicali Italiani, nonché alcuni riscontri sui media liguri del presente Comunicato: Ringrazio il sottosegretario agli Esteri, Della Vedova, che sostiene la proposta referendaria per parti separate. Auspico che altri parlamentari seguano tale esempio e accolgano questo appello trasversale a dare la propria firma contro la deriva plebiscitaria e garantire libertà di voto: se l’intera Carta fosse oggetto di referendum, si voterebbe in blocco; poiché la riforma riguarda soltanto parti di essa, il voto sia per parti separate, come prevede il Codice di Buona Condotta sui Referendum approvato dal Consiglio d’Europa. Checché ne dica Renzi, o voglia far credere pur di non contraddirsi… 

http://www.radicali.it/comunicati/20160711/referendum-mercoled-13-luglio-conferenza-stampa-alla-camera-mobilitazione-straor

 

Riviera24: http://www.riviera24.it/2016/07/referendum-per-parti-separate-lappello-ai-parlamentari-liguri-229023/

 

SanremoNews: http://www.sanremonews.it/2016/07/12/leggi-notizia/argomenti/politica-1/articolo/anche-i-radicali-della-nostra-provincia-interviene-sullo-spacchettamento-del-referendum-costituzio.html