“Detenuto disabile affetto da meningite virale in carcere a Imperia per il furto di un paio di pantaloni”

“E’ COLPEVOLE DEL FURTO DI UN PAIO DI PANTALONI: “HA DOLORI ATROCI, DEVE LA VITA ALLE GUARDIE””

“La solidarietà arriva da dietro le sbarre.
Un malato di meningoencefalite virale associata ad una patologia agli arti che gli impedisce di camminare e ad una serie di complicazioni, in carcere dallo scorso maggio, ha trovato infatti l’aiuto dei compagni del penitenziario di Via Don Abbo.
Lo stesso istituto dove in questo periodo è rinchiuso Francesco Bellavista Caltagirone finito nei guai nell’ambito dell’inchiesta sul costruendo porto turistico del capoluogo ponentino.
I compagni di detenzione del giovane malato sono arrivati al punto di scrivere per lui una lettera-appello ricca di umanità e di altruismo. F.P.. 37 anni, originario di Sassari, si trova a combattere contro due situazioni completamente diverse: da una parte deve fare i conti con la giustizia che lo accusa per il furto di un paio di pantaloni a Como (è per questo che è finito in prigione), dall’altra deve prendere a pugni malattia e burocrazia. Ma se in Tribunale può contare su un avvocato che dovrà convincere i giudici ad avere la mano più leggera, nella seconda circostanza il sostegno arriva da un numero maggiore di persone che gli hanno teso le mani per non fargli mancare nulla, compreso tanto conforto.
In questa battaglia per la vita lo sfortunato protagonista può contare anche sull’aiuto degli agenti della polizia penitenziari, ma è nelle parole dei carcerati che emerge uno spiccato senso di generosità verso il compagno di cella: “Questo sfortunato ragazzo dovrebbe essere assistito 24 ore su 24 in un centro ospedaliero idoneo e se è ancora in vita lo deve al comportamento encomiabile della polizia penitenziaria in questo istituto, che pur costretta ad un superlavoro a causa del sovraffollamento lo assiste come meglio può anche in ore notturne, chiamando i medici esterni nelle ore in cui il carcere non è coperto da assistenza medica”.
“I suoi compagni di cella – prosegue l’appello – sacrificano le ore d’aria e il sonno notturno per aiutare l’uomo che soffre di atroci dolori e ha problemi anche di incontinenza”.
Tuttavia dal carcere di Imperia fanno sapere che le condizioni di F.P. sono compatibili con il regime carcerario in attesa che sul trasferimento in una struttura più attrezzata si pronunci il DAP, l’ufficio competente del Ministero.”

articolo pubblicato dal Secolo XIX venerdì 31-8-2012

Annunci

0 Responses to ““Detenuto disabile affetto da meningite virale in carcere a Imperia per il furto di un paio di pantaloni””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: