En passant, è GUERRA nel Mediterraneo

BOOTS ON THE GROUND”? Intervista de Il Fatto al gen. Fabio Mini*, prima dell’attacco di ieri:*

La no-fly zone non è un atto militarmente decisivo: può esser imposta per anni su un Paese senza toccar davvero la sua forza militare; alla fine, è probabile che essa porti a un’invasione terrestre della Libia. Decisa dall’Onu e applicata da membri dell’Alleanza Atlantica e dei Paesi arabi, essa potrebbe dunque costituir l’inizio di una escalation dagli esiti imprevedibili.

Ma la risoluzione Onu n.1973… cosa prevede?

Ha due aspetti: 1) per far rispettare la no-fly zone bisogna esser in grado di colpir gli obiettivi a terra che sostengono la forza aerea: basi aeree e missilistiche, artiglierie contraeree, radar, etc. 2) la risoluzione non istituisce semplicemente la no-fly zone, ma dà alla comunità internazionale il diritto d’usar ogni mezzo  per protegger la popolazione civile.

Qualcosa di più di una semplice no-fly zone, dunque?

Sì, la risoluzione dà alla comunità internazionale non solo il diritto di presidiar lo spazio aereo, ma anche quello d’intervenir ogni volta che la sicurezza dei civili sia messa in pericolo. Cosa faremo se Gheddafi deciderà di condurre operazioni di terra contro i ribelli nelle città riconquistate? Bombarderemo? E le nostre bombe chi colpiranno? In Kosovo abbiamo bombardato obiettivi civili, pensando fossero militari.

La no-fly zone potrà rivelarsi decisiva per fermare il dittatore e bloccar la carneficina del suo stesso popolo da parte della cricca al potere?

No, Saddam subì due no-fly zone per ben 12 anni: per reprimere sciiti e curdi gli bastò strisciare, non ebbe bisogno dello spazio aereo; per assurdo, il divieto di volare può aumentar la disposizione di un tiranno sanguinario di fare a terra ciò che non può fare dall’aria: è successo con Saddam, e anche con l’operazione Deny Flight in Bosnia-Erzegovina, col divieto di volo ai serbi; ciò non impedì Srebrenica e altri massacri.

Da un punto di vista militare, di cosa ha bisogno l’imposizione della no-fly zone?

Di una marea di cose: aerei intercettori per pattugliamento, sorveglianza radar, aerei per rifornimento in volo, Awacs per identificar gli obiettivi, enorme sostegno logistico, basi avanzate (Sigonella, Gioia del Colle, Trapani) e altre più arretrate (Aviano). Nel caso libico occorre anche una copertura navale: coi radar delle navi si può controllar il territorio, coi missili delle navi si può fiaccar la resistenza dell’esercito. Ma c’è bisogno soprattutto di una straordinaria coesione politica e diplomatica: tutti Paesi intorno alla Libia devono esser coinvolti (Mauritania, Ciad, stati africani che hanno legami stretti con Gheddafi e verso cui egli potrebbe spostar parte delle sue forze).

Quale può esser l’esito finale della no-fly zone?

L’occupazione militare: data l’esperienza passata, non c’è un solo esperimento di no-fly zone che si sia concluso senza ricorrere all’intervento di terra; di solito, il Paese cui è imposta la zona d’esclusione aerea continua a massacrar i suoi nemici, a reprimere i civili, a produrre fenomeni migratori. Così, le forze straniere son costrette a intensificar gli attacchi; e il passo successivo è la guerra totale, con l’invasione di terra. Boots on the ground, scarponi su terreno, si dice in gergo: è successo in Bosnia, in Kosovo, in Iraq; servirà un’ulteriore risoluzione Onu, ma è l’esito più probabile.

*già comandante della forza internazionale di pace in Kosovo e capo di stato maggiore Nato in Sud Europa.

IN ATTESA DI CONOSCERE IL PUNTO DI VISTA RADICALE, ABBIAMO RITENUTO DI FORNIRE IL PUNTO DI VISTA MILITARE (!).

Advertisements

0 Responses to “En passant, è GUERRA nel Mediterraneo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: